Pesca in Val di Cembra

Il Trentino è un ottimo posto per la pesca, con i suoi paesaggi, e la sua biodiversità: laghi e laghetti, come quello delle Piazze, Pinè, Serraia, Buse, tipici per le trote fario, anguille e lucci, torrenti e fiumi, come l’Avisio, zona indiscussa della Trota Martorata.

L’esercizio della pesca è legato al possesso della licenza governativa di pesca e del permesso del concessionario, necessari anche per i bambini. Con la licenza governativa e l’abilitazione alla pesca e’ possibile avere il permesso di pesca annuale di un’ associazione (per i ragazzi fino ai 16 anni non compiuti, l’abilitazione non è indispensabile). In mancanza dell’abilitazione alla pesca, è possibile pescare solo con il permesso giornaliero. Per gli stranieri è necessario presentare in qualsiasi Ufficio Distrettuale Forestale presente sul territorio della P.A.T. domanda in carta bollata da € 16,00 sulla quale si dovrà indicare il numero e la data del rilascio del proprio documento personale (carta d’identità o passaporto). Si dovranno, inoltre, allegare una marca da bollo da € 16,00 e fotocopia del documento personale e 2 foto tessera. È possibile il rilascio di una licenza di pesca turistica (rilasciata dai gestori del diritto di pesca) richiedibile per una volta soltanto nell’arco di un anno ed valida fino a trenta giorni consecutivi. La stessa autorizza la pesca nella P.A.T. anche se il richiedente non è in possesso della licenza e dell’abilitazione, sempre con l’acquisto del permesso giornaliero.

Scopri la mappa di dove pescare sull’Altopiano di Piné ed in Valle di Cembra!