Raccolta funghi Trentino

La legge provinciale che regolamenta la raccolta funghi é la L.P. 23 maggio 2007, n. 11ed il successivo D.P.P. 26 ottobre 2009, n. 23–25 Leg.

La legge e i successivi decreti stabiliscono che nel territorio della provincia di Trento la raccolta dei funghi spontanei, sia commestibili che non, è ammessa in quantità non superiore a 2 chilogrammi al giorno per persona di età superiore ai dieci anni. I minori di dieci anni possono esercitare la raccolta se accompagnati da familiari, fermo restando il limite massimo ammesso.

  • Per i residenti in uno dei comuni del Trentino (non domiciliati) non vige l’obbligo di avere un permesso di raccolta.
  • Per i non residenti in uno dei comuni del Trentino (anche i domiciliati) vige l’obbligo di acquisto ed esposizione su richiesta di un permesso di raccolta, con una denuncia di inizio attività. Qualora, inoltre, il non residente raccogliesse funghi in un area protetta o un parco naturale é obbligato ad avere anche una dichiarazione di pernottamento in una struttura ricettiva nel territorio di raccolta. L’importo del permesso di raccolta é commisurato al periodo di raccolta richiesto.

È vietato effettuare la raccolta dei funghi dalle ore 19.00 alle ore 7.00.

Giorni e importo del permesso di raccolta per i comuni di Albiano, Cembra Lisignago, Civezzano, Fornace, Giovo, Lona Lases, Segonzano e Sover:

  • Raccolta di 1 giorno € 5,00
  • Raccolta di 3 giorni consecutivi € 10,00
  • Raccolta di 7 giorni consecutivi € 20,00
  • Raccolta di 14 giorni consecutivi € 30,00
  • Raccolta di 30 giorni consecutivi € 40,00

Il pagamento della tassa per la raccolta dei funghi può essere effettuato secondo una delle seguenti modalità:
1) tramite bollettino di conto corrente postale intestato al SERVIZIO TESORERIA DEL COMUNE interessato indicando nella causale la dicitura “TASSA PER LA RACCOLTA FUNGHI”, le GENERALITÀ DELL’INTERESSATO ed il PERIODO DI RACCOLTA. In questo caso la ricevuta del pagamento sostituisce la denuncia di inizio dell’attività di raccolta.